Lo sviluppo della fotografia in bianco e nero

biancoenero_1
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Mai pensato di sviluppare le vostre foto in bianco e nero? Da dove cominciare?
Oggi faremo un po’ di chiarezza sul materiale che non può mancare nel vostro laboratorio di stampa domestico e sui principali step da seguire.
Per sviluppare la pellicola fotografica, occorrono: un tank con una o più spirali (un barattolo atto a proteggere la pellicola dalla luce), un termometro (che vi consenta di mantenere una temperatura tra i 18° e i 26°), dei cilindri graduati, degli agenti chimici e una stanza completamente buia nella quale potrete lavorare senza temere di danneggiare le vostre foto a causa della luce.

Cominciamo proprio da qui: in condizioni di totale oscurità, estraiamo la pellicola e la inseriamo nella spirale avendo cura di toccarla il meno possibile. una volta che la pellicola è completamente dispiegata, stacchiamo il rocchetto. Una volta infilato il tubo interno del tank, facciamo scivolare la spirale bloccando sul fondo del barattolo.
Una volta completata questa prima fase, assicuriamoci che il tank sia perfettamente chiuso e accendiamo la luce!

A questo punto, prepariamo la soluzione di sviluppo (“rivelazione” vera e propria dell’immagine sulla pellicola), arresto (dello sviluppo) e fissaggio (desensibilizzazione della pellicola alla luce).
Immaginiamo di voler sviluppare una una Kodak Tri-x esposta nominalmente a 400 iso in  ars-imago FD Film Developer.

1) Sviluppo: innanzitutto, portiamo la temperatura dell’acqua in cui diluiremo gli agenti chimici a 20°.Per un rullino di 35mm, saranno necessari 400ml di liquido, 1 O ml di chimico e 390ml di acqua. La pellicola sarà esposta per 6 minuti in ars-imago FD Film Developer 1+39.
2) Arresto: utilizzeremo un bagno ars-imago ST Stop Bath. Come indicato sul prodotto ab­biamo una diluizione di 1 +30. Secondo la tabella, saranno necessari 400 ml di soluzione di cui 13ml di chimico e 387ml d’acqua.

3) Fissaggio: Prepariamo poi il fissaggio ars-imago FX Fixer. Come indicato sul prodotto abbiamo una diluizione di 1 +7. Utilizzeremo così 400 ml di soluzione di cui 50ml di chimico e 350ml d’acqua.

Prepariamo infine l’imbibente ars-imago WB Washing Bath. Come indicato sul prodotto abbiamo una diluizione di 1 +99.

Prepariamo una soluzione abbondante di 1000ml: utilizzeremo così 1000 ml di soluzione di cui 1 Orni di chimico e 990ml d’acqua. 

Apriamo il tank e versiamo il rilevatore, assicurandoci di far uscire tutta l’aria. Agitiamola per 30 secondi per poi batterla sul piano di appoggio per 3/4 volte. Scoccato il primo minuto di sviluppo, agitiamo per 1 O secondi il tank e reiteriamo questo processo più volte, a seconda dell’accoppiata rivelatore-pellicola.
Versiamo quindi il bagno d’arresto e agitiamo per circa 40-60 secondi.
Una volta gettato via il fissaggio, riempiamo il tank con dell’acqua e sciacquiamolo con cura per 2-3 volte.
Con un gesto rapido e deciso, prendiamo un lembo della pellicola e sfiliamola. Teniamola in alto altrimenti la coda si sporcherebbe a terra, un rullo 35mm è alto circa 1.50ml
Adesso, immergiamo la pellicola in una bacinella, con la soluzione imbibente per circa un minuto e infine, dopo aver tolto l’acqua in eccesso, asciughiamola.
Facciamo molta attenione, perché questa è probabilmente la fase più delicata durante la quale la peliccola potrebbe essere danneggiata da polvere o latri detriti.
Vi siete divertiti? Siete soddisfatti del risultato?
Aspettiamo un vostro feedback, e ricordate sempre di lavare approfonditamente i vostri strumenti in modo da avere risultati sempre migliori!

Condividi quest'articolo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento