Panasonic Lumix BS1H: mirrorless full-frame compatta per video fino a 6K

panasonic_bs1h_6k
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

BS1H è la nuova fotocamera mirrorless che amplia la gamma full-frame Lumix di Panasonic, composta ora da 5 modelli: S1H (qui la nostra recensione), S1R, S1 (l’abbiamo recensita qui), S5 e ovviamente l’ultima arrivata oggetto di questa notizia. La differenza tra la BS1H e le altre full-frame balza all’occhio: l’ultima nata è di fatto la versione pieno formato della Micro Quattro Terzi BGH1. Parliamo quindi di una fotocamera pensata per streaming in diretta, per riprese in alta qualità con postazioni fisse e per poter essere montata su droni o in altre situazioni dove le dimensioni compatte sono fondamentali.

L’aspetto è quello di una sorta di cubo che misura 93 (L) x 93 (A) x 78,8 (P) millimetri con un peso di 585 grammi. Per dare un’idea di quanto le dimensioni siano minute, basti pensare che la BGH1, provvista di un sensore sensibilmente più piccolo, lima solo 0,8 millimetri in profondità e pesa 40 grammi in meno. Il sensore che equipaggia la BS1H è un CMOS a pieno formato che misura 35,6 x 23,8 millimetri e dispone di una risoluzione pari a 6.024 x 4.016 pixel, cioè 24,2 megapixel. La scheda tecnica riporta inoltre la presenza di un filtro passa-basso ottico (OLPF: Optical Low-Pass Filter).

Come su altre fotocamere Lumix troviamo la tecnologia Dual Native ISO, che opera con valori nativi compresi tra ISO 100 e ISO 640 e con la possibilità di arrivare fino a ISO 51.200 e di espandere poi la sensibilità fino a ISO 102.400 e ISO 204.800. L’intervallo nativo del doppio circuito posto alla base del Dual Native ISO è inoltre impostato su valori nativi differenti a seconda delle impostazioni scelte: V-Log è ISO 640 e ISO 4.000, HLG è ISO 400 e ISO 2.500 mentre con Cinelike D2/Cinelike V2 si lavora a ISO 200 e ISO 1.250. Lo spazio colore si può espandere selezionando il V-Gamut.

Il processore che elabora le immagini è il Venus Engine e permette di registrare video in vari formati:

Lettura piena del sensore

  • 6K a 24p in 4:2:0 a 10-bit
  • 5.4K a 30p o 25p in 4:2:0 a 10-bit
  • 5.9K a 30p, 25p o 24p in 4:2:0 a 10-bit
  • 4K a 30p, 25p o 24p in 4:2:2 a 10-bit

Sensore utilizzato in Super 35 mm

  • 4K o Ultra HD a 60p o 50p in 4:2:0 a 10-bit
  • 4K o Ultra HD a 30p, 25p e 24p in 4:2:2 a 10-bit

La BS1H offre oltre 14 stop di gamma dinamica e si può abbinare anche ad un registratore esterno tramite l’uscita HDMI. I formati RAW supportati tramite l’uscita HDMI sono i seguenti:

  • 5.9K con lettura piena del sensore a 30p, 25p o 24p a 12-bit
  • 4K in Super 35 mm a 60p, 50p, 30p, 25p e 24p a 12-bit
  • 3.5K in Super 35 mm anamorfico a 50p, 30p, 35p e 24p a 12-bit

I video si possono salvare in Apple ProRes RAW su Atomos Ninja V o in Blackmagic RAW su Blackmagic Video Assist 12G HDR. Il sistema per la dissipazione del calore sfrutta il telaio in alluminio e magnesio oltre ad una ventola interna per garantire riprese senza limiti di tempo. La nuova Lumix dispone anche dell’opzione VFR (Variable Frame Rate) per realizzare effetti “slow motion” in post-produzione; si spazia dal 4K / Ultra HD a 60 fps (fino a 2,5 volte più lento a 24p) per arrivare al Full HD a 180 fps (fino a 7,5 volte più lento a 24p).

La natura del prodotto, molto portato all’utilizzo in ambiti professionali, è testimoniata anche dalla presenza di un’uscita 3G-SDI che si affianca alla HDMI Type-A con la possibilità di usarle simultaneamente durante la registrazione (non in riproduzione). La fotocamera si può controllare in remoto tramite la porta Ethernet che offre anche l’alimentazione sullo stesso cavo (PoE+: Power over Ethernet+). Tramite il software per LUMIX Tether for Multicam di Panasonic si possono gestire 12 set di fotocamere BS1H. Il collegamento alla rete abita lo streaming IP tramite il protocollo RTP/RTSP con una risoluzione fino alla Ultra HD a 60p o 50p in H.265 o H.264.

Le connessioni disponibili includono una porta USB-C 3.1, una HDMI Type-A, una 3G-SDI, Genlock IN, Timecode IN/OUT, una porta Ethernet, il Wi-Fi 802.11n a 2,4 GHz, il Bluetooth 4.2 Low Energy, un ingresso cuffie e un’uscita microfono. Per il salvataggio dei filmati sono presenti due slot SD. Completa la dotazione l’innesto L-Mount, sviluppato in sinergia con Sigma e Leica e che conta al momento 11 ottiche realizzate da Panasonic, che si vanno a sommare a quelle degli altri due produttori.

Per la batteria sono disponibili tre opzioni: la AG-VBR59, la AG-VBR89 e la AG-VBR118, tutte vedute separatamente. L’autonomia è la seguente:

  • Con AG-VBR59 in registrazione continua: MP4 in Ultra HD/60p – Circa 230 minuti; MP4 in Full/60p – Circa 300 minuti
  • Con AG-VBR89 in registrazione continua: MP4 in Ultra HD/60p – Circa 360 minuti; MP4 in Full HD/60p – Circa 470 minuti
  • Con AG-VBR118 in registrazione continua: MP4 in Ultra HD/60p – Circa 480 minuti; MP4 in Full HD/60p – Circa 630 minuti

BS1H rientra nel programma LUMIX PRO, pensato per offrire vari vantaggi come una corsia preferenziale nel caso in cui ci si debba rivolgere dell’assistenza, una linea telefonica dedicata e il ritiro e consegna a domicilio. La disponibilità è prevista per fine novembre al prezzo di 3.400 euro.

Condividi quest'articolo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento